Si rende noto che Venerdì 14 Marzo 2014, sono state protocollate presso il Comune di Petacciato le dimissioni della quasi totalità dei componenti degli organi della Pro Loco.

In questa sede non posso che parlare delle motivazioni che hanno determinato questa mia decisione, in gran parte condivise dagli altri membri, che è stata molto sofferta, ma allo stesso tempo meditata e ponderata, scaturita da ampie e lunghe discussioni, durante le quali sono stati posti sulla bilancia i pro e i contro di questa esperienza, che per alcuni tratti ha lasciato l’amaro in bocca, ma per altri è stata, almeno per la sottoscritta, foriera di grandi e indimenticabili soddisfazioni.

Purtroppo però alcuni episodi spiacevoli in cui alcuni membri della Pro Loco sono venuti loro malgrado a trovarsi, l’ingiusta esposizione a critiche a volte mosse solo per il mero (a volte sadico!) piacere di farle, la mancanza di coesione e di comunanza di scopo (anche all’interno della stessa associazione intendo) hanno fatto irrimediabilmente pendere l’ago sul piatto dei contro.

É innegabile – e sfido chiunque a farlo – che La Pro Loco è vista con sospetto e sfiducia ( lo prova la resistenza a entrare a farne parte, anche in qualità di semplice socio) e spesso è stata utilizzata come capo espiatorio per battibecchi e scaramucce politiche, come altrettanto spesso si è colta la palla al balzo per utilizzarla a mo’ di bidone per scaricare su di essa tutte le responsabilità (evidentemente anche di altri!) per la scarsità di iniziativa, per l’irrisorio numero di manifestazione volte alla promozione di Petacciato, per l’assenza di sagre mangerecce.

E sempre troppo spesso, si è superficialmente tralasciato di considerare che dietro il nome “Pro Loco di Petacciato” c’erano delle persone che qualcosa stavano facendo!

Si, questo onestamente lo posso ben dire, perché qualcosa abbiamo fatto : siamo stati gli interlocutori per e fra le associazioni presenti sul territorio e il tramite tra Comune e associazioni; abbiamo svolto servizi e mansioni, anche se non sempre proporzionati alle nostre forze e alle nostre possibilità; abbiamo promosso alcune iniziative (sportive, culturali, ricreative) e collaborato attivamente alla loro positiva riuscita; non da ultimo possiamo dire di aver lasciato in eredità una Pro Loco “sana”, cioè con un bilancio 2013 chiuso in attivo.

Ho la serenità di poter dire, al pari di tutte le persone che mi hanno accompagnato in questa breve avventura, di aver cercato, spesso con infinite perplessità, di dare un senso a questa associazione e di aver trovare una motivazione intima a tutti gli sforzi fatti e all’impegno profuso, non sempre riconosciuto, nella consapevolezza che le soddisfazioni non sempre trovano un riscontro esterno e che forse non ce n’è in fondo neanche la necessità, quando si è onesti con sé stessi e con ciò che si è fatto.
In questo parole non deve essere letto l’animo, né tantomeno la voglia, di muovere recriminazione e o l’intento di alzare un polverone di polemiche senza senso.

Ho voluto solo rendere note in maniera chiara e sincera le mie motivazioni.

Ma quello che mi preme maggiormente è inviare tutti quelli che se la sentono, che hanno le capacità e la voglia di mettersi in gioco, a farsi avanti e sostituire me e gli altri membri che hanno presentato le dimissioni, premettendo che saremo a disposizione, per chiunque ne avesse bisogno, per tutti gli adempimenti che sarà necessario eseguire.

Inoltre non posso non rimarcare che in assenza di adesioni in un tempo congruo purtroppo dovrà essere indetta l’Assemblea Straordinaria dei soci per deliberare lo sciogliemmo della Pro Loco (ipotesi da scongiurare), salve altre decisioni o soluzioni dell’Amministrazione Comunale al riguardo.

A me, e a tutti i membri dimissionari, non resta che rinnovare l’invito e augurare alla Prossima Pro Loco un buon lavoro!

avv. Federica Rogata