Petacciato. E’ stata approvata con tre voti di maggioranza, esattamente come da pronostico, la variante al Piano regolatore Generale di Petacciato, che prevede l’espansione del paese lungo la direttrice di Termoli, in una zona che si trova a distanza ravvicinata dal fronte della storica frana e che anche in aula, sabato scorso, prima del voto, ha spinto il geologo Plescia, in qualità di tecnico esterno, a ricordare che «sapere che domani là si potrebbe muovere il terreno non è che ci fa stare tranquilli, anche se non ci sono pericoli per incolumità».

La scelta, contestata dalla minoranza rappresentata da Luisa Caruso e Roberto Di Pardo, tocca anche gli interessi privati di ex amministratori, visto che alcuni di quei terreni che oggi valgono moltissimo grazie alla possibilità edificatoria erano stati acquistati, come terreno agricolo, da una società che fa capo a Fulvio Talucci e Gino Gallina, fratello e cognato dell’ex assessore all’Urbanistica, in carica durante il precedente mandato del sindaco (poi riconfermato) Gabriele La Palombara.

E nel corso della lunga seduta monotematica di sabato scorso il vicesindaco Alberto Di Vito, nella relazione conclusiva che ha preceduto il voto, ha in qualche modo ammesso l’esistenza di interessi privati. Come si può verificare seguendo il video (qui Il Consiglio integrale, il punto in questione è a 2h:50min), l’esponente di maggioranza presente (assente il sindaco, che nell’iter di approvazione del Prg per ragioni inspiegabili non figura MAI) ha dichiarato di essere «emotivamente vicino ai miei cittadini che hanno i terreni, e che hanno investito, anche se le cose bisogna farle come noi le abbiamo fatto all’interno delle regole».

Un’affermazione seguita, qualche minuto dopo, da un ulteriore chiarimento: «Ci siamo chiesti – ha detto ancora Di Vito – come fare ad andare incontro ai legittimi interessi di tante persone che hanno investito negli anni e che si aspettano di dare respiro anche ai loro investi, sempre all’interno delle regole». Parole che con tutta evidenza non hanno bisogno di commenti o interpretazioni.

[ VIA PRIMONUMERO.IT ]